Data di arrivo
Data di partenza
Ospiti per camera
Adulti Bambini Neonati
fino a 12 anni fino a 3 anni
  • MIGLIOR TARIFFA ONLINE

    Solo su questo sito le migliori tariffe e condizioni

  • OFFERTE E PROMOZIONI

    Scopri le nostre promozioni e scegli l'offerta su misura per te

  • WI-FI GRATUITO

    Wi-fi gratuito in tutta la struttura e nelle camere

Arte & Cultura

Scopri le numerose attrazioni di Roma grazie ai consigli del Best Western Hotel Rivoli!

La Galleria Borghese

 

 La ricca collezione Borghese consta di sculture, bassorilievi e mosaici antichi, nonché dipinti e sculture dal XV al XVIII secolo. La raccolta, costituita inizialmente dal cardinale Scipione Borghese all'inizio del XVII secolo, conserva capolavori di Antonello da Messina, Giovanni Bellini, Raffaello, Tiziano, Correggio, Caravaggio e splendide sculture di Gian Lorenzo Bernini e del Canova.

 


 

Scopri il museo delle arti del XXI secolo a Roma grazie ai consigli del Best Western Hotel Rivoli!

MAXXI - Museo Nazionale delle arti del XXI secolo 

 

 Il MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo è un museo con sede a Roma. Progettato dall'architetto Zaha Hadid e gestito dall'omonima fondazione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, è diviso in due sezioni: MAXXI arte e MAXXI architettura. 


 

La Galleria Nazionale di Arte MOderna di Roma è uno dei musei che non si pososno proprio perdere durante una visita a Roma. Scoprila grazie al Best Western Hotel Rivoli! 

Galleria d'Arte Moderna

 

Alla collezione della Galleria d’Arte Moderna di Roma Capitale appartengono oltre tremila opere: dipinti, sculture, disegni, incisioni che costituiscono un prezioso patrimonio per la storia del collezionismo e della cultura artistica a Roma sullo scorcio dell’Ottocento e lungo la prima metà del Novecento.

La presenza di quelli, che la comunità scientifica ha definito capolavori degli artisti italiani tra Otto e Novecento, rendono la collezione emblematica e significativa: tra i nomi più rappresentativi, per il secolo XIX, ricordiamo Giulio Aristide Sartorio, Nino Costa, Onorato Carlandi, e in genere i pittori de I XXV della Campagna Romana, ma ancora, Adolfo De Carolis, Angelo Morbelli, Adolf Hirémy Hirschl; tra gli scultori attivi nello stesso periodo, importanti sono le testimonianze, a seguito di cospicue donazioni, di Vincenzo Gemito e di Ettore Ximenes. Per il Novecento ampiamente documentata è la cultura figurativa del divisionismo con opere di Armando Spadini, Camillo Innocenti, Arturo Noci, Giacomo Balla ma la collezione trova la massima risonanza con le opere degli anni Trenta ed artisti come Scipione, Mario Mafai, Giuseppe Capogrossi, Emanuele Cavalli, documentando con esempi di grande rilevanza il particolare momento storico-artistico noto come Scuola Romana.

Ad opere emblematiche come Il Cardinal Decano di Scipione, del 1930, si affiancano numerose testimonianze delle tendenze artistiche presenti nella complessa cultura figurativa della prima metà del Novecento, dal movimento del Novecento al Realismo Magico, dal Secondo Futurismo all’articolato percorso della scultura italiana tra tradizione e modernità. Da Francesco Trombadori a Giacomo Manzù, da Roberto Melli ad Afro, da Franco Gentilini a Carlo Carrà, da Marino Marini a Giulio Turcato, da Benedetta a Enrico Prampolini, da Arturo Martini a Giorgio Morandi, l’arte italiana è documentata in tutte le sue numerose sfaccettature e nel rapporto dialettico con le avanguardie europee.
La preziosa acquisizione negli anni Novanta di un’opera come il Comizio di Giulio Turcato, databile tra il 1949 e il 1950, sembra concludere idealmente questo percorso segnando, nel delicato equilibrio tra figurazione e astrazione, il passaggio ai linguaggi della contemporaneità. Founded in 1883, the Modern Art National Gallery follows the artistic strands of the current and the previous century through temporary or really exclusive permanent exhibitions.

(Photo I, Di Carlo Gossini (Opera propria) [Guarda la pagina per la licenza], attraverso Wikimedia Commons)

 


 

Villa Giulia è oggi il museo più rappresentativo della civiltà etrusca a Roma. Scoprilo con i consigli del Best Western Hotel Rivoli!

Museo etrusco di Villa Giulia e Villa Poniatowski 

 

Il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia in Roma ha ampliato gli spazi espositivi nella vicina Villa Poniatowski, dove è stata allestita la sezione dedicata ai centri del Latium Vetus e dell’Umbria. 15 anni di restauro con fondi pubblici, restauro fondamentale per il ritrovamento della famosa loggia descritta da Giorgio Vasari, andata perduta per le successive trasformazioni anche da parte di Giuseppe Valadier.

(Photo I, I, Sailko [GFDL, CC-BY-SA-3.0 or CC-BY-2.5], via Wikimedia Commons)

 


 

Il Museo Civico di Zoologia di Roma rappresenta un centro di cultura scientifica, che conserva, studia e fa conoscere la BIODIVERSITA’ ANIMALE.

Museo civico di Zoologia

 

Il Museo civico di zoologia di Roma, situato in una zona limitrofa al Bioparco, raccoglie la tradizione delle collezioni naturalistiche romane attive presso le corti papali sin dal 1790 e quindi del gabinetto di zoologia dell'Università Pontificia.

 

 


 

Scopri la grande musica dell'Accademia Filarmonica Romana grazie al Best Western hotel Rivoli di Roma!

L'Accademia Filarmonica di Roma

 

L'Accademia Filarmonica Romana è un ente privato senza scopo di lucro, fondato a Roma nel 1821, che organizza concerti di musica da camera e sinfonica, balletti e spettacoli di teatro musicale.

(Photo I, Di Lalupa (Opera propria) [CC-BY-SA-3.0 o GFDL], attraverso Wikimedia Commons)

 

 .........................................................................................................................................................................

 

Catacombe

Catacombe di Priscilla

 

La catacomba di Priscilla, conosciuta in tutti i documenti topografici e liturgici antichi, si apre sulla Via Salaria con ingresso presso il convento delle Suore Benedettine di Priscilla. Per la quantità di martiri qui sepolti, questo cimitero era chiamato la “regina catacumbarum”.

Scavata tra il secondo e il quinto secolo, questo cimitero, perduto come tanti altri per l’occultamento degli ingressi a protezione dai saccheggi, è stato uno dei primi ad essere ritrovato nel sedicesimo secolo e perciò abbondantemente derubato di lapidi, sarcofagi, tufo e corpi di presunti martiri. Conserva però pitture particolarmente belle e significative: la visita comprende le principali di queste.